corsi formazione docenti carta del docente

Carta del docente: che cos’è?

Dal 2016 nel mondo degli insegnanti italiani è arrivata la Carta del docente,

nome ‘semplice’ della Carta elettronica per l’aggiornamento e i corsi formazione docenti di ruolo nelle istituzioni scolastiche. Istituita dal Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca in attuazione della legge 107 del 12 luglio 2016 – la cosiddetta Buona Scuola – la Carta del docente viene assegnata a tutti gli insegnati di ruolo assunti con un contratto a tempo indeterminato negli istituti scolastici statali. Nel dettaglio, la carta elettronica viene riconosciuta sia ai docenti che effettuano il tempo pieno che a quelli che effettuano tempo parziale, comprendendo anche i docenti che sono inidonei per motivi di salute (così come stabilito all’articolo 514 del decreto legislativo 16/04/94 n.297), gli insegnanti in periodo di prova, i docenti fuori ruolo, i docenti in posizione di comando e di distacco, nonché, infine, in docenti nelle scuole all’estero.

Le funzioni della Carta del docente

In parole più semplici, dunque, la Carta del docente è il contributo economico rivolto agli insegnanti così come era stato promesso dal governo di Matteo Renzi con la Riforma della Buona Scuola. Dapprima, ovvero durante il primo anno di attuazione, in realtà non è esistita alcuna Carta dei docenti: i 500 euro per la formazione docenti sono infatti stati versati in contanti attraverso la busta paga. Dopo un primo periodo di rodaggio, la Carta del docente è ora attiva a tutti gli effetti. Si tratta in definitiva di un’applicazione web che permette agli insegnanti di avere a propria disposizione 500 euro per far fronte a spese culturali oppure ad altri tipi di acquisto, a patto che si tratti di prodotti o servizi relativi alla formazione docenti o all’accrescimento delle loro conoscenze.

Quali sono le spese ammesse e che quindi possono essere effettuate con i 500 euro della Carta docente?

I destinatari della Carta docente sono circa 762.000 insegnanti. Ma nel concreto, cosa possono acquistare questi beneficiari attraverso l’applicazione, e quindi attraverso i 500 euro stanziati dal Miur? In primo luogo, gli insegnanti possono acquistare libri, testi, ebook, riviste e pubblicazioni a carattere culturale, e in ogni caso utili per la formazione docenti. Va però sottolineato che non c’è un limite relativo all’area disciplinare di ogni insegnante. Questo significa che un docente di scienze può acquistare un romanzo, così come un docente di storia può acquistare con i fondi ministeriali un saggio di fisica.

Gli insegnanti possono poi sfruttare la Carta del docente per acquistare hardware, ma in questo caso le limitazioni imposte dal Ministero sono più concrete: non si possono usare i fondi per acquistare dispositivi per la comunicazione elettronica, come gli smartphone, e nemmeno toner per le stampanti, pennette usb o videocamere. Sono invece ammessi a pieno titolo PC desktop, portatili, convertibili ultrabook, tablet ed ebook reader. Via libera anche per quanto riguarda i software, dai CAD ai dizionari online. Sono ovviamente compresi i corsi per la formazione docenti, per le attività di aggiornamento e per la qualificazione delle competenze professionali.

Con questi 500 euro, dunque, si possono pagare corsi universitari, corsi di laurea, master, corsi di lingue straniere e corsi online, a patto che siano svolti da università o da consorzi universitari. Infine, la carta dei docenti può essere utilizzata per pagare biglietti per il teatro, per mostre, per musei e per il cinema. Anche in questo caso, come per i libri, le attività culturali non devono per forza essere attinenti alla disciplina insegnata dal docente.

Faccette estetiche: meglio delle protesi dentali?

Quando accendiamo la tv, vediamo personaggi famosi e popolari, tutti con denti bianchissimi, com’è possibile? Presentatori, ballerini, soubrette, giornalisti, attori, tutti con denti perfettamente allineati e delle giuste proporzioni.

Tutti fortunati? No… tutti o quasi hanno fatto ricorso all’odontoiatra, un professionista specializzato nelle protesi estetiche fisse, come studio dentistico D’Amelio o i dentisti di Dentarmonia a Cesena.

Cosa sono le faccette estetiche?

Le faccette estetiche sono delle protesi estetiche fisse che si applicano sulla superficie esterna del dente. Proprio grazie alle faccette è possibile eliminare totalmente ogni tipo di difetto: colore, forma e posizione dei denti, per un risultato estetico davvero da “effetto tv”. Nel dettaglio, le faccette estetiche dentali sono degli involucri in ceramica che vengono cementati intorno alla superficie di uno o più denti. Prima di essere cementati, i denti vengono limati, in modo da correggere tutte le imperfezioni dei denti, permettendo al paziente di mostrare un sorriso davvero strabiliante.

Quando è possibile utilizzare le protesi estetiche fisse?

Si possono utilizzare le faccette estetiche dentali in porcellana o ceramica in molti casi, ma va anche precisato che si tratta di un intervento veloce, dove la limatura è davvero minima, a volta quasi inesistente, del dente da ricoprire, merito di tutte le ricerche e degli studi che sono stati svolti in tutti questi anni.

Si utilizzano le faccette estetiche perchè sono in grado di migliorare il benessere della persona, restituendo un sorriso splendido, permettendo anche di sentirsi più sicuri e più giovani, e piacere e piacersi fa sicuramente bene anche allo spirito!

Addio quindi alle macchie dentali, che vengono nascoste dietro alla protesi per rendere al paziente un sorriso bianco e luminoso per diverso tempo. E proprio le protesi fisse, permettono di allungare i denti nel caso in cui l’avanzare dell’età abbia portato ad un eccessivo consumo. Ma le faccette estetiche servono anche a ridurre uno spazio eccessivo tra i denti, il cosiddetto diastema. E’ anche possibile fare ricorso da una protesi estetica singola per riabilitare esteticamente un dente scheggiato.

Perchè scegliere le faccette estetiche?

Per migliorare il sorriso, per avere denti bianchi e perfettamente allineati, si può certamente optare per la scelta delle faccette estetiche, non prima però di averne parlato al proprio

odontoiatra di fiducia, e nel caso in cui non sia possibile raggiungere risultati sufficienti con altri mezzi. Oggi sempre più studi, per mezzo proprio delle più moderne tecniche odontoiatriche e sono in grado di riabilitare con grande soddisfazione l’estetica di qualsiasi sorriso, utilizzando anche impianti di corone e di otturazioni estetiche. Di fatto, avere un bel sorriso aiuta a vivere meglio ed in pieno ottimismo!

A chi è rivolto il metodo EPTAMED?

Il metodo EPTAMED è rivolto a odontoiatri, osteopati, logopedisti, ortottisti e podologi che insieme vogliono collaborare per il benessere del paziente. Il focus è l’equilibrio che si basa su un sorriso sano. Non dobbiamo infatti dimenticare che  risultato di un buon intervento odontoiatrico è percepibile anche da effetti come una appropriata deglutizione e la riduzione di dolori posturali.

Per ottenere tutti gli effetti benefici, il metodo EPTAMED consiglia di lavorare in équipe e affiancare, alla professionalità del Medico Odontoiatria, anche quella di professionisti Osteopati e Logopedisti.  L’Osteopata è colui che possiede una visione del corpo generale, pertanto è in grado di intervenire sulla mobilità della muscolatura e delle ossa, in relazione a quelle del volto e del cranio.

Il Logopedista ha il compito di agire sulla fonazione e sulla respirazione, migliorando i movimenti di labbra, lingua e muscoli facciali. Insieme, queste figure, svolgono il ruolo di correggere aspetti funzionali strettamente correlati tra loro. Per questo è bene evidenziare che proprio il lavoro in équipe riesce a valorizzare l’intervento di ciascun professionista. Ed è in questa ottica che Eptamed ha deciso di operare e investire su Professionisti che condividono lo stesso approccio al benessere e alla salute della persona.

Perchè imparare il metodo EPTAMED?

Il metodo EPTAMED è considerato “globale”, questo significa che per il benessere del paziente “curare” un dente alla volta risulta essere limitativo, diversamente occorre valutare bocca e denti nel loro insieme. Gli studi dimostrano che al giorno d’oggi, allineare una fila di denti non serve più a niente questo perchè oltre il 70% dei pazienti trattati con apparecchi fissi riscontrano le stesse disfunzioni nel giro di pochi anni. Detto questo, dobbiamo anche evidenziare il fatto che un trattamento con metodo Eptamed costa molto meno al paziente. All’Odontoiatra il costo degli apparecchi incide molto poco sul costo della cura e le visite sono meno frequenti rispetto all’ortodonzia fissa. Al centro del  metodo EPTAMED c’è la storia del paziente, che equivale anche ad una grande gratificazione per il paziente stesso. Inoltre si tratta di un metodo naturale, punto questo di focale importanza, dal momento che oggi sempre più persone si alimentano in maniera naturale, ed allo stesso modo, vogliono venire a contatto con terapie naturali.

Perchè il metodo EPTAMED è il metodo del futuro?

Abbiamo scritto di quante persone siano sempre più propensi a dare fiducia a prodotti naturali, quindi cure naturali, ed il  metodo EPTAMED, oltre a godere delle migliori certificazioni a livello europeo (marchio CE), é biocompatibilite con i tessuti orali e procura una sensazione di benessere. E’ il metodo ideale per i bambini, perchè semplice, logico ed intuitivo e permette ai piccoli pazienti di capire come funziona.

E’ anche riconosciuto come il metodo del futuro, si prospetta infatti che  fra 30-40 anni sarà routine trattare i bambini con sistematiche mobili, poco invasive, in grado di agire alla base dei problemi e non focalizzate esclusivamente sui sintomi, ovvero, sui denti storti. La chiave vincente del  metodo EPTAMED è la collaborazione  tra Odontoiatra, Osteopata e Logopedista. Un metodo che permette di risolvere i problemi con un approccio multi-professionale che permette di semplificare ogni approccio, anche e soprattutto per il paziente.

I professionisti che desiderano entrare nel metodo EPTAMED, oltre ad un supporto tecnico ed operativo, saranno assistiti commercialmente.

Posa e manutenzione degli infissi

Vediamo cosa distingue un infisso da un altro ed una buona posa di esso da una posa mediocre.

Il giudizio sul serramento dipende da diversi fattori: per prima cosa l’aspetto estetico che serve per inserire correttamente l’elemento all’interno di un contesto abitativo, la lavorazione dei profili, giunture, tagli e saldature che devono essere impercettibili ed allineate. I profili devono avere un adeguato numero di camere d’aria e devono essere completi di barra continua di rinforzo strutturale, il materiale deve essere acciaio zincato certificato sia per quanto riguarda il telaio che per quanto riguarda le parti mobili. Continua la lettura di “Posa e manutenzione degli infissi”

Protesi o parrucca, le differenze

5_parrucca_donna_sinteticaLa differenza più significativa tra protesi e parrucca riguarda il fatto che la protesi è realizzata  su misura secondo le caratteristiche del cliente; misura, tipo e colore dei capelli, mentre la parrucca è più generica, si adatta alle medesime esigenze di più persone e non al singolo individuo.

La protesi è realizzata mediante una combinazione di tessuti, sui quali vengono innestati i capelli, utilizzati per creare un aspetto naturale, a differenza della parrucca. I materiali utilizzati per le protesi, sono trattati per resistere a tutti i tipi di grasso, agli acidi del corpo, alle tinture e sono realizzati per rendere il massimo comfort. Continua la lettura di “Protesi o parrucca, le differenze”

Impianti dentali: come è cambiato il modo di preservare e migliorare la salute dei denti nell’ultimo decennio

Di recente si è registrato un significativo aumento di individui che scelgono la Croazia come destinazione ideale per effettuare gli impianti dentali e, più in generale, per sottoporsi alle cure odontoiatriche che si rendano necessarie.

In modo particolare, tale aumento va a riguardare, come testé anticipato, proprio quei dispositivi che servono per riabilitare la funzione della masticazione garantendo un eccellente risultato estetico al tempo stesso. I prezzi degli impianti dentali in Croazia sono davvero allettanti ed a ciò si aggiunge la facilità con cui questo intervento può avere luogo, essendo lo stesso divenuto particolarmente semplice e sicuro, molto di più di quanto in generale si possa immaginare. Continua la lettura di “Impianti dentali: come è cambiato il modo di preservare e migliorare la salute dei denti nell’ultimo decennio”

Rivestimenti antiaderenti industriali: qual è il loro scopo?

rivestimenti industriali antiaderentiI rivestimenti antiaderenti industriali hanno lo scopo di rendere più semplici e meno costose le operazioni di pulizia delle superfici rivestite. Proprio grazie a questa tipologia di rivestimenti, i prodotti appiccicosi si rimuovono agevolmente evitando l’uso di distaccanti chimici. Non solo, in questo modo si prevengono anche incrostazioni e accumulo di residui di lavorazione, pertanto si riducono i tempi necessari alla manutenzione, la produzione di scarti, migliorando la qualità del prodotto finito. Continua la lettura di “Rivestimenti antiaderenti industriali: qual è il loro scopo?”